Milano | Parma | London    +39 3404508274   

tossina-botulinica-img-articolo

Lifting con il Botox per alzare le sopracciglia cadenti

Con l’avanzare del tempo, tutto il nostro corpo ha un fisiologico cambiamento. La parte del corpo su cui maggiormente si nota, anche perchè è la più esposta, è il viso.

Qui, come altrove, la pelle inizia a cedere, i volumi di conseguenza si riposizionano apparendo svuotati e i muscoli perdono tonicità.

Questo fa si che ci si veda stanchi e appesantiti nell’ovale in generale, ma ancor di più nell’area perioculare dove questo processo segna entrambe le palpebre, superiore e inferiore, ma anche le sopracciglia.

E’ proprio di come migliorare e ringiovanire lo sguardo intervenendo sulle sopracciglia che vorrei parlarti qui.

L’argomento è il  lifting del sopracciglio. Nello specifico di come la medicina estetica utilizzi il botox per alzare sopracciglio.

Il Lifting del sopracciglio.

Il Lifting del sopracciglio non è altro che il risollevamento dello stesso per “aprire” lo sguardo e farlo apparire ancora vigile ed energico.

Con questa definizione, in realtà possiamo intendere tre diverse tipologie d’azione. Due più blande, facenti parte del mondo della Medicina estetica, adatte quindi ai primi segni del tempo.

  1. Botox.
  2. Acido Iarulonico o altro riempitivo. Questa sostanza ha innumerevoli utilizzi soprattutto sul viso. Per scoprirla e approfondire: “Che cos’è e a cosa serve l’Acido Ialuronico?” e “Il ringiovanimento del viso con i Filler”

La terza, più invasiva, però anche più durevole (seppur non come altri interventi di ringiovanimento del viso), è la variante chirurgica, adatta a pazienti già più in là con l’età.

  1. Lifting chirurgico del sopracciglio. Se ti interessa questo approccio, ti consiglierei:“Blefaroplastica superiore e lifting del sopracciglio: quali sono le differenze?”.

Il Lifting del sopracciglio con il Botox

Cos’è il Botox e come agisce.

  • Il Botox, Tossina Botulinica o Botulino è una proteina neurotossica prodotta dal batterio Clostridium Botulinum.
    • Questa definizione può impaurire, ma in realtà risulta essere una sostanza molto importante nella medicina, non solo estetica.
    • Viene infatti impiegata per risolvere molti e diversi problemi. Tant’è che risulta uno dei farmaci più venduti in  assoluto.
  • Ha la capacità di paralizzare l’area in cui viene iniettata. Parliamo di un’azione momentanea comunque.
    • Riesce ad arrestare il rilascio del neurotrasmettitore che permette il dialogo tra nervo e muscolo.
    • L’effetto ha una durata di circa 4/6 mesi. Dopodichè l’azione va sparendo ridando piena mobilità alla zona.
  • Se ti interessa conoscere meglio il Botox: “Iniezioni di Botulino tra falsi miti, leggende e verità”.

Come si utilizza il Botox per sollevare il sopracciglio.

Il lifting del sopracciglio con il Botox è detto “chimico” per differenziarlo da quello chirurgico.

  • La tecnica utilizzata mira a modulare l’azione dei muscoli che regolano la posizione del sopracciglio.
  • Questa è regolata da tre gruppi di muscoli:
    • corrugatori,
    • frontale,
    • orbicolare dell’occhio.
  • Necessita di una buona precisione in modo da agire selettivamente.

Le aree trattate.

Per ottenere un risultato armonico si deve agire sia sulla parte interna che sulla parte esterna del sopracciglio.

  • Internamente si andrà a infiltrare il Botox nei muscoli corrugatori, i responsabili delle rughette verticali tra le sopracciglia.
    • La loro azione abbassa le sopracciglia centralmente. Pertanto se questa azione viene a mancare dopo essere stati iniettati col botox, il sopracciglio lì  tende ad alzarsi.
    • Tale trattamento riesce a sollevare da 1 a 3 mm il muscolo di questa zona. Stiamo parlando di un allontanamento dell’estremità interna del sopracciglio rispetto alla pupilla.
  • Si inietta poi il muscolo frontale in modo selettivo. Esso, con la sua azione, tende ad alzare le sopracciglia. Quindi, se si vuole un effetto di rialzamento del sopracciglio sui lati, è necessario iniettare poco botulino in quella zona.
  • Esternamente inoltre si può ottimizzare il rialzamento del sopracciglio andando a bloccare un muscolo che tende ad abbassarlo: l’ orbicolare, intorno all’occhio lateralmente. Responsabile inoltre delle “zampe di gallina”, le rughette che si formano ai lati dell’occhio col sorriso.
    • Tale trattamento combinato ( muscolo frontale e orbicolare) riesce a sollevare qui sino a 4 mm. Stiamo parlando di un allontanamento dell’estremità esterna del sopracciglio rispetto all’angolo più esterno dell’occhio.

Il trattamento e la guarigione.

  • Il trattamento dura circa 15 minuti.
  • Non prevede alcuna anestesia poiché è indolore.
    • Può provocare un leggero pizzichio nelle persone più sensibili o un leggero rossore dove viene inserito l’ago.
    • La durata di questi fastidi è limitata alle prime ore.
  • Il risultato si fa attendere 5/8 giorni. Tempo in cui la sostanza agisce ed inibisce la muscolatura. Per poi durare 4/6 mesi.
  • Perché il risultato permanga deve essere reiterato con la scadenza detta sopra. Al contrario l’effetto svanisce riportando la situazione a quella precedente.

Lifting con il Botox per alzare le sopracciglia cadenti

L’utilizzo della Tossina botulinica è solo una possibilità, come abbiamo visto. Sicuramente adatta a risolvere diverse problematiche legate alla pelle lassa nell’area perioculare.

Se ti interessa conoscere altri utilizzi del Botox ti consiglio di leggere: “Scopri i trattamenti con il Botox!”.

Se invece il tuo problema sono le sopracciglia cadenti, ma non sai reputare quale sia il percorso migliore per te, contattami, ne paleremo insieme.

Condividi

Copia il Link

Copia