Milano | Parma | London    +39 3404508274   

rinoplastica-naso-img-articolo

Le differenze tra l’intervento di Rinoplastica e la Settoplastica

Magari fai parte di quelle persone che guardandosi allo specchio vedono nel naso una parte del viso che crea disagio. Probabilmente avrai ipotizzato, o magari sognato, almeno una volta nella vita di cambiarlo.

L’unica via che ti può dare un nuovo naso è la chirurgia, l’intervento di rinoplastica. In alcuni casi c’è la possibilità di modificarne il profilo con un semplice trattamento: il rinofiller. Non è per tutti però ed è comunque una correzione temporanea. Per capire in cosa consista ti invito a leggere:“Scopri la rinoplastica non chirurgica, grazie al filler per il naso”.

Tuttavia la soluzione permanente e definitiva può avvenire solo in sala operatoria. Ci sono tre tipi di approcci chirurgici al naso:

  1. rinoplastica,
  2. settoplastica
  3. rinosettoplastica

La rinosettoplastica è l’unione delle prime due. In questo articolo cercheremo di capire le differenze tra settoplastica e rinoplastica.

Cenni sull’intervento di rinoplastica

L’intervento di rinoplastica risponde all’esigenza di cambiare la forma del proprio naso per motivi puramente estetici.

  • Viene eseguita in anestesia generale oppure anestesia locale con sedazione.
  • Ha una durata variabile dai 45 ai 90 minuti. (Nel caso di una rinosettoplastica, talvolta si può arrivare a 90-120 minuti.)
  • Può comportare solo cicatrici interne (rinoplastica chiusa) oppure richiedere anche una piccola cicatrice esterna alla base del naso (rinoplastica aperta). Per qualche informazione in più potresti leggere:”Rinoplastica aperta o chiusa?”.

Le modifiche che si possono apportare durante l’intervento di rinoplastica sono principalmente riferite a:

  • Creazione di una punta più piccola e/o più rialzata.
  • Riduzione della “gobbetta” o “gibbo” sul dorso.
  • Restringimento delle narici.

Il post operatorio, preoccupazione per alcuni, in realtà non è doloroso. Per approfondire questo tema, ti consiglio:“È doloroso l’intervento di Rinoplastica?”o anche“Quanto è doloroso rifarsi il naso? Tutte le verità sulla rinoplastica”.

Richiede sostanzialmente un po’ di pazienza. Di solito sono necessarie un paio di settimane per affrontare contesti sociali senza che si capisca che ci si è sottoposti ad una chirurgia. L’assestamento definitivo del risultato richiede però dei mesi, dagli otto ai dodici mesi.

Il post operatorio si sviluppa così:

  • Alla fine dell’intervento possono essere messi i tanto “temuti” tamponi. Si tolgono il giorno stesso, al massimo il seguente. Sono garze impregnate con sostanze oleose che non aderiscono alla mucosa nasale. Quindi l’estrazione è indolore.
  • Sempre dopo la chirurgia, quando viene trattato anche il dorso, viene collocata una placchetta rigida per una settimana. Con essa verranno anche tolti eventuali punti esterni.

La dimissione è prevista in giornata, salvo casi eccezionali.

  • I lividi (o ecchimosi) sotto agli occhi spariscono nel giro di due o tre settimane.
  • Il naso può rimanere sensibile per qualche settimana.
  • Il ritorno al lavoro è consigliato dopo una o due settimane.
  • Lo sport, come le attività molto impegnative fisicamente, richiedono quattro settimane di sospensione.

Intervento di settoplastica in breve

La settoplastica risponde ad un’esigenza diversa rispetto alla rinoplastica. Si propone di migliorare la funzionalità del naso. La miglioria estetica solitamente non è contemplata nella sua esecuzione. In questo caso, il chirurgo che ha il compito di eseguire tale chirurgia è l’otorinolaringoiatra.

  • La settoplastica viene eseguita solitamente in anestesia generale. Più raramente in anestesia locale con sedazione .
  • Ha una durata variabile dai 30 ai 60 minuti.
  • Può essere eseguita sia con la tecnica aperta che con la chiusa. A seconda della preferenza del chirurgo. La versione aperta, come anche per la rinoplastica, permette una visibilità molto maggiore oltre che rendere decisamente più facile l’uso di innesti di cartilagine. Spesso essenziali per ottimizzare la funzionalità nasale da un  punto di vista strutturale unitamente alla correzione del setto.

Le migliorie che si possono apportare durante la settoplastica sono varie, tutte correlate alla risoluzione di problemi legati ad una malformazione del setto. Le principali sono:

  • ostruzioni nasali;
  • irritazioni ricorrenti faringee dovute ad una respirazione prevalentemente buccale.
  • apnee notturne.

Spesso si esegue in unione alla turbinoplastica, la quale è una tecnica chirurgica avente lo scopo di diminuire la dimensione dei turbinati. Permettendo così un maggiore passaggio di aria dal naso.

Il risultato definitivo è tangibile già dopo le prime settimane.

  • Alla fine dell’intervento vengono messi i  tamponi. Come suggerito per la rinoplastica, è importante che vengano lasciati solo per le prime 24 ore  ed impregnati preferibilmente con sostanze oleose. Se tenuti più a lungo essi tendono ad aderire alle mucose rendendo l’estrazione dolorosa.
  • La dimissione può avvenire tranquillamente in giornata. E’ necessario però rivedersi il giorno seguente per la rimozione dei tamponi. Oppure si può prevedere la degenza per una notte.
  • La corretta respirazione si ristabilisce in un tempo variabile che può essere di giorni o settimane generalmente. E dipende dall’assorbimento del gonfiore interno post chirurgia.
  • Il ritorno ad un lavoro non impegnativo fisicamente può avvenire entro qualche giorno. Una settimana al massimo.
  • Lo sport può essere ripreso dopo 3-4 settimane.

Le differenze tra l’intervento di Rinoplastica e la Settoplastica

Le principali differenze tra rinoplastica e la settoplastica sono :

  • Nella settoplastica non vengono eseguite le fratture delle ossa nasali. Come conseguenza non ci formano i lividi attorno agli occhi.
  • Nella settoplastica, non essendoci la placchetta rigida, il ritorno alle attività lavorative può avvenire già dopo qualche giorno.
  • Il recupero è quindi più rapido.
  • La settoplastica  è eseguita, di solito, dai colleghi otorinolaringoiatri. Il chirurgo estetico si cimenta in essa solo se richiesta per correggere una deviazione nasale nel contesto di una rinoplastica. E’ questo il caso in cui si esegue la rinosettoplastica. Vale a dire i due interventi in uno.
  • Apportano due diverse categorie di miglioria a chi vi si sottoponesse: estetica la rinoplastica e puramente funzionale la settoplastica.

Per documentarti ulteriormente sulle caratteristiche delle due diverse chirurgie, potresti leggere:“Intervento di Rinoplastica e setto nasale deviato: Ecco i miei consigli.

Se volessi seguire l’intero cammino di chi si sottopone a questa affascinante chirurgia  ti consiglio:“Introduzione all’intervento di Rinoplastica”.

Se invece volessi avere informazioni ancora più dettagliate e, soprattutto, personalizzate al tuo particolare caso, Contattami pure. Sarò felice di aiutarti.

Condividi

Copia il Link

Copia