Milano | Parma | London    +39 3404508274   

rinoplastica-naso-img-articolo

Scopri la rinoplastica non chirurgica, grazie al filler per il naso

La rinoplastica (e rinosettoplastica) è la chirurgia che mira a risolvere sia problemi estetici che problemi funzionali del naso. Interessa trasversalmente uomini e donne che vi ricorrono quasi in egual misura (le donne sono prevalenti, ma non di molto). La chirurgia del naso ha molte variabili, come molti sono i problemi che può risolvere.
Abbiamo detto che è una soluzione estetica. Il naso è in una posizione di estrema visibilità nel nostro corpo: è sul viso, nostro biglietto da visita per le nuove conoscenze, e per di più si trova al suo centro e in rilievo. E’ la prima cosa con cui uno sconosciuto viene in contatto visivo assieme agli occhi. Ed è per questo che, se con altre parti del corpo spesso si temporeggia, quando è il naso a non piacere, spesso muoversi diventa una forte esigenza. Cambiare la forma del naso può realmente cambiare un viso, anche se quando opero cerco sempre di correggere le imperfezioni con l’idea di rendere il cambiamento naturale e bilanciato.
Quando ci si sottopone ad una chirurgia del naso, a volte può essere difficile tenerlo nascosto a chi ci già conosce. Ma perché sia ben riuscita, deve essere sicuramente invisibile a chi non ci conosce.
Oltre alle modifiche estetiche, si hanno poi quelle funzionali. Le due fortunatamente non sempre si accompagnano. Quando parliamo di ritocchi funzionali è più una questione di salute che ci spinge. Avere problemi con la respirazione nasale, solitamente significa avere un setto deviato (dalla nascita o a causa di un incidente) oppure una ipertrofia dei turbinati. O, frequentemente, entrambi.
Ho fatto solo un piccolo cenno a questo aspetto anche perché, a differenza della parte estetica, esso non è correggibile in altro modo che con la chirurgia. Ed è proprio su questo che vorrei spendere alcune parole. Cioè come migliorare il naso senza la chirurgia. E’ possibile?
Sebbene siano molte le persone che non si piacciono col proprio naso, non poche rimangono scettiche a “finire sotto i ferri”. Un pò per la paura ancestrale di sottoporsi ad un intervento, anche comprensibile. Un po’ per l’aspetto economico. Altri ancora hanno la convinzione di doversi sottoporre ad una chirurgia dolorosa e dalla lunga degenza in ospedale. Oppure, altro mito da sfatare, per l’uso dei “dolorosissimi” tamponi. E’ infatti sufficiente tenerli per un tempo limitato e ricoprirli di vaselina per evitarne l’adesione alle mucose. Dunque quando vengono tolti scivolano all’interno del setto senza problemi. Ed improvvisamente il mito svanisce.
Se comunque ti piacerebbe avere qualche informazione in più su tutti i falsi miti legato alla rinoplastica ti consiglio di leggere il nostro articolo “Quanto è doloroso rifarsi il naso? Ecco la verità”.
Comunque sia, dicevo, la realtà è che molti sono ancora reticenti.
Per loro allora non c’è soluzione?
Al contrario, c’è la possibilità di affidarsi alla rinoplastica non chirurgica o rinofiller.

Che cos’è la rinoplastica non chirurgica?

Il rinofiller è una tecnica non invasiva che può talvolta sostituirsi alla chirurgia. Sottolineo la parola “talvolta”. Infatti può risolvere solo problemi estetici moderati, non tutti. Nulla può fare nulla se è la funzionalità quello che vogliamo risolvere. Né può rimpicciolire un naso grande, per esempio.
Come ben si capisce, non implica sala operatoria. Fa infatti parte di quei trattamenti ambulatoriali che consistono nell’iniezione sottocutanea di sostanze riempitive. Le sostanze che si utilizzano possono avere varia natura e consistenza, ma sono tutte riassorbibili, ovvero non rappresentano una modifica definitiva.
La sua durata va dagli otto ai sedici mesi, a seconda di come il corpo elimina la sostanza iniettata, ma può essere ripetuto senza un limite temporale. Non mi capita di rado però, che i pazienti dopo essersi sottoposti diverse volte a questo miglioramento temporaneo, decidano di definire il risultato con una reale chirurgia. Desiderosi di un risultato permanente senza dover continuare a ripetere il trattamento.

A chi è consigliata la rinoplastica non chirurgica?
Abbiamo già detto che può risolvere solo problemi estetici, e nemmeno tutti. Come tutti i riempitivi, crea volume nella parte dove viene iniettata, dunque non sarà mai utile a chi ha problemi di dimensioni eccedenti del naso. Infatti in quei casi lo renderebbe ancora più grande, benchè di forma diversa.
E’ piuttosto per coloro che vogliono camuffare piccoli difetti come una punta bassa o un naso con un dorso irregolare. Parliamo però di una gobbetta contenuta che può sparire aumentando un po’ il volume al di sopra e al di sotto di essa. Si mostra risolutivo anche per coloro che hanno il naso infossato alla radice, ovvero tra gli occhi. O ancora a chi ha un naso irregolare che può essere uniformato aggiungendo del volume nelle aree disuguali. Questa indicazione e’ più tipica nel caso di di nasi post-traumatici o post- chirurgici.
E’ quindi palese che non può essere ritenuto un sostitutivo della chirurgia, ma una valida alternativa laddove si presentino casi idonei.
Spesso io mi trovo a consigliarla a soggetti giovani, magari già maggiorenni, ma con lineamenti ancora non del tutto formati. Oppure a coloro che sono pronti al cambiamento, ma ancora reticenti alla chirurgia. E’ anche vero che il poter vedere quotidianamente il proprio naso corretto e dunque più appetibile, aiuta i pazienti a capire se procedere o meno chirurgicamente.

Come avviene il rinofiller?

Il rinofiller è una pratica molto poco invasiva che si pratica in ambulatorio senza anestesia. E’ quasi del tutto indolore, al massimo si può sentire un pizzicore nella zona in cui viene inserito l’ago per l’infiltrazione.
Si tratta semplicemente di iniettare un filler nella zona da modificare. Null’altro. Siccome il filler è un volume che si va aggiungere al contorno del naso, il risultato si vedrà subito.
E’ sicuramente una tecnica alla portata di tutti. Ha un costo realmente accessibile, molto lontano dai costi della chirurgia. Non prevede una preparazione nè un post-operatorio, al massimo qualche giorno di assestamento per eventuali minimi gonfiori o lividi nelle aree di iniezione. Può dunque essere fatta da chiunque e in qualsiasi momento, anche se gli impegni sociali sono alle porte.

Condividi

Copia il Link

Copia