Milano | Parma | London    +39 3404508274   

intro-addominoplastica-img-articolo

Maniglie dell’amore nell’uomo: come eliminarle definitivamente?

Tutti abbiamo dei punti dove maggiormente accumuliamo grasso. Se per le donne sono pancia e parte esterna della coscia (culotte de cheval), nell’uomo spesso sono, oltre alla pancia, la parte bassa della schiena: le cosidette “maniglie dell’amore”.

In generale una buona dieta e dell’attività fisica portano a buoni risultati nell’eliminazione degli accumuli di grasso dell’addome e molte altre aree.

Le “maniglie dell’amore” sono però tra gli inestetismi più difficili da eliminare. Per questo spesso l’unica soluzione realmente risolutiva è la chirurgia. Prima però ci sono alcuni aspetti su cui ci si puo’ concentrare per ridurre la manifestazione di questo inestetismo ed ottimizzare eventuamente i risultati della liposuzione. Se infatti non è semplice eliminare questo tipo di deposito adiposo con le regole sotto elencate, si arriva a peggiorarlo molto facilmente quando queste regole vengono disattese. Vediamo quindi nello specifico cosa fare prima di intervenire chirurgicamente.

Mangiare nel modo corretto per perdere le “maniglie dell’amore”

Evita le diete estreme. Ti daranno solo risultati illusori, nessuno può sostenere un regime alimentare ristretto come stile di vita per lungo tempo. Sono invece ottimi per rallentare il tuo metabolismo. Pertanto appena farai uno strappo lo pagherai doppio. Inizia piuttosto a controllare quantità e qualità dei cibi che acquisti.

Riduci l’apporto calorico con criterio e senza esagerare attenendoti ai valori di riferimento per il tuo peso e tipo di attività svolte.

Ma soprattutto migliora la qualità di ciò che mangi. Forse non lo sai o non gli hai mai dato peso, ma non tutti i prodotti similari hanno lo stesso apporto nutritivo e calorico. Poni attenzione soprattutto agli ingredienti. Un consiglio? Se hanno un nome che non conosci, evitali.

Segui una dieta bilanciata. A meno che tu non abbia esigenze particolari per intolleranze, allergie o attività sportiva, mangia un po’ di tutto. Prediligi sempre molta verdura e frutta, soprattutto se non molto dolce. Consuma con moderazione i carboidrati a rapida assimilazione (dì pure addio a pasta, pane, biscotti, pizze e merendine più o meno confezionate) che sono equiparabili agli zuccheri semplici. Varia l’apporto proteico attingendo dal modo animale e vegetale. Elimina totalmente le bevande zuccherate a meno che tu faccia uno sport di resistenza. Ma è l’unica eccezione. Ovviamente anche le dosi sono importanti, puoi iniziare seguendo le dosi consigliate sulle confezioni. Modera l’alcol il più possibile.

Resta idratato. Non so quante volte hai sentito dire che devi bere, bene te lo ripeto: bevi e bevi acqua. Non dimenticare che il 75% del nostro corpo è costituito da acqua. Bere ti aiuta anche a dimagrire, aiuta ad alleviare il senso di fame e reidrata i muscoli che sono il motore del corpo. Meglio funziona il nostro motore, meglio ci sentiamo e ci muoviamo.

Cerca di bere almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno. Puoi aumentare le dosi a seconda della tua età, del sesso e del livello di attività che svolgi.

Fai almeno due spuntini per spezzare mattino e pomeriggio, ma fai che siano equilibrati e sani. Non superare le 100-150 calorie. E cerca di mangiare alimenti semplici e naturali, non confezionati. Per esempio frutta e frutta secca oppure delle barrette proteiche a basso contenuto di zuccheri. Molto spesso non sono i pasti, ma gli extra a farti aumentare di peso.

Fai attività fisica per eliminare le “maniglie dell’amore”

Innanzi tutto muoviti, qualsiasi cosa può aiutarti se non hai mai fatto nulla. Il dimagrire è prima di tutto uno stato della mente. Il primo cambiamento deve avvenire lì altrimenti il fallimento è di solito garantito. La pigrizia non è da contemplarsi. Prendi le scale e non le scale mobili o l’ascensore. Usa la bicicletta o le tue gambe piuttosto che la macchina. Se proprio devi usare l’auto, parcheggia a qualche isolato e vai a piedi. Il dimagrimento localizzato è fattibile, ma comunque si raggiunge nel contesto di un dimagrimento globale. Qualsiasi attività cardio ti può essere utile. Non serve fare necessariamente le ultramaratone. Ciò che premia è la costanza. Alla quale devi aggiungere progressivamente una intensità crescente dello sforzo fisico. Inizia anche solo camminando, aumenta il passo, non serve che tu corra da subito se parti da un livello zero. Ma dopo un pò inizia anche a correre comunque. Mira sempre ad alzare sempre di po’ l’asticella dello sforzo. Non adagiarti a fare sempre gli stessi esercizi o sforzi altrimenti dopo un po’ andrai inevitabilmente in stallo.

A questo aggiungi esercizi mirati. Per eliminare le “maniglie dell’amore” ci sono ottimi esercizi. Sempre se fatti in combinazione ad una attività cardio, come appena detto.

I migliori sono quelli che interessano la zona dell’addome e dei lombari, via libera agli addominali. Ottimi i plank in tutte le loro varianti. Interessano tutto il “core”: addominali, lombari e glutei. Da tonificare ed aumentare in generale tutta la massa muscolare comunque. Questo ti farà bruciare più calorie come base (funziona un pò all’opposto delle diete estreme sopracitate).

Ad arricchire il quadro e come complemento a quanto detto sopra (ma non in sostituzione) ci sono anche quelle discipline quali yoga e pilates, ottimi nel rinforzare il sistema muscolo schelettrico.

Un ultimo consiglio, trova qualcuno che si alleni con te, vi potrete dare aiuto l’un l’altro.

Eliminare le “maniglie dell’amore” chirurgicamente: la liposuzione ai fianchi

Detto tutto questo, potresti non raggiungere necessariamente il risultato voluto nella sua totalià. Come dicevo sopra, è questa un’area più refrattaria ai cambiamenti di stile di vita rispetto ad altre parti del corpo. Quindi l’approccio chirurgico, cioè la liposuzione, potrebbe rappresentare una parte intermedia di questo cammino. Dandoti una ulteriore spinta in avanti che poi devi mantenere comunque. Lo si potrebbe invece a volte collocare all’inizio dei questo ipotetico percorso per poi continuare l’opera con i consigli sopra suggeriti. E’ invece sbagliato considerarlo solo l’unica tappa del cammino. Lo si può anche fare. Ma se ne riduce molto l’efficacia a lungo termine.

La liposuzione è un intervento che ti permette di eliminare gli accumuli di grasso localizzato. Quindi solitamente le “maniglie dell’amore” ne rappresentano una buona indicazione.

Detto questo, vediamo in cosa consiste appunto la liposuzione dei fianchi. Ti dico sin da subito che si tratta di una chirurgia poco invasiva e con un post operatorio semplice, ma molto importante.

Viene aspirato il grasso sottocutaneo mediante delle cannule sottilissime, 4 o 5 mm di diametro. Gli unici punti che avrai sono a chiusura dei punti d’ingresso delle cannule, uno per ogni ingresso. Come faccio per tutte le chirurgie, niente drenaggi, ma se vuoi approfondire l’argomento ti consiglio di leggere questo articolo: cosa sono esattamente i drenaggi in chirurgia estetica?

I punti li toglierai ad una settimana dall’intervento, ti accompagnerà per un po’ più di tempo la guaina contenitiva. Non sarà comoda da indossare, ma ti permette di ottimizzare i risultati. Insieme alla guaina, che terrai per un mese, molto importanti sono i massaggi. Ti consiglio un paio di massaggi linfodrenanti a settimana almeno per il primo mese. Inizierai dopo la prima settimana.

Potrai tornare alla tua vita quotidiana in un paio di giorni, ovviamente senza sforzarti troppo. La doccia la potrai già fare dopo 48 ore. Ti aiuterà a pulire le ferite, ma anche a rilassarti. Ovviamente l’acqua dovrà essere tiepida e il sapone neutro. Non dovrai strofinare la zona, il flusso dell’acqua basterà a detergerla.

Per asciugarti tampona delicatamente. Ricordati prima la zona operata e poi il resto del corpo.

Vedrai i primi risultati sin da subito, ma per vedere il risultato finale dovrai attendere dai tre ai sei mesi.

In ultimo, ti consiglio di muoverti sin da subito, ma gradualmente. Potrai riniziare lo sport in un paio di settimane, ma per riprendere a pieno ritmo ti consiglio almeno un mese di attesa.

Condividi

Copia il Link

Copia