Milano | Parma | London    +39 3404508274   

I 5 consigli su come scegliere un chirurgo plastico

Come scegliere il chirurgo plastico? I 5 fattori da considerare

La chiave principale per ottenere ottimi risultati in chirurgia, anche in quella estetica quindi, è la scelta del chirurgo. Sarà poi lui a guidarti nel percorso pre e post operatorio. E, cosa più importante, ad operarti.

In questo articolo cerchiamo di capire come arrivare a scegliere il giusto chirurgo plastico.

Come non scegliere il chirurgo plastico

La scelta dello specialista potrebbe non essere semplice. Prima di parlarti di quali siano i punti chiave da cercare nello specialista a cui hai intenzione di affidarti, ti vorrei dire cosa non dovrebbe essere in assoluto la tua discriminante: il costo.

E’ purtroppo abbastanza comune cercare un chirurgo che esegua una chirurgia estetica come fosse un qualsiasi prodotto del commercio.

Metodo, questo, comprensibile, ma non proprio condivisibile. Se acquistiamo un prodotto di bassa qualità, possiamo sempre gettarlo o cambiarlo. Una brutta chirurgia potrebbe poi essere difficile da “aggiustare”. E non sempre possibile completamente.

Per approfondire gli aspetti di una scelta “al risparmio” ti consiglio di leggere: “Chirurgia estetica low-cost: ciò che non ti dicono” e anche: “I costi della chirurgia estetica: giusto risparmiare?“.

Come scegliere il giusto chirurgo plastico

  1. Come prima cosa il professionista dovrebbe avere concluso un corso di specializzazione di Chirurgia Plastica ed Estetica. In Italia oppure all’estero. Purtroppo però non tutte le scuole di specializzazione sono equiparabili nell’insegnare la Chirurgia Estetica. Ci possono essere gap molto ampi tra una scuola ed un’altra. Quindi questo è un punto importante ma assolutamente non sufficiente.
  2. Maestri avuti. Ci si ricollega un po’ alla scuola di specializzazione. La chirurgia in tutte le sue specializzazioni ha un’importante variabile esperienziale. I libri e le esercitazioni teoriche post-universitarie, sono solo la prima parte di un percorso. Tuttavia è la pratica al tavolo operatorio, seguiti da vicino da un chirurgo di valida ed accertata esperienza, a fare la vera differenza. Ho avuto la fortuna e l’onore di potermi formare nella Scuola del Professor Ivo Pitanguy, indiscusso e riconosciuto Maestro della Chirurgia Plastica ed Estetica a livello mondiale per oltre 50 anni.
  3. Esperienza post specializzazione. Essa è determinata da due variabili:
    1. anni di pratica.
      • La chirurgia non è una scienza esatta. Il nostro corpo, per quanto sia una macchina perfetta, presenta una buona variabilità da individuo a individuo. Ne consegue che non ci saranno mai due casi uguali, nemmeno se la chirurgia è la stessa e risolve le medesime richieste. E’ per questo che gli anni di esperienza sono significativi. Permettono al chirurgo di vedere un maggior numero di casi, rendendolo pronto a  risolvere in modo celere tutte le eventualità che si possono presentare in sala operatorio.
      • Le tecniche e le tecnologie che supportano un medico in sala operatoria variano, si evolvono e si perfezionano. Un medico che ha diversi anni di esperienza saprà scegliere più sapientemente il miglior ausilio e la migliore procedura per ogni singolo paziente.
    2. Numero di casi trattati. Non solo è importante aver iniziato già da qualche anno ma anche aver lavorato con intensità in questi anni. Riuscendo quindi a poter basarsi su una casistica personale di rilievo.
  4. Qualità dei prodotti e degli ausilii utilizzati. La chirurgia in sè, per molti rappresenta il raggiungimento di un sogno, l’avverarsi di un desiderio. Lo è, ma solo grazie ad un chirurgo capace di trovare:
    1. la giusta tecnica per approcciare e risolvere il problema, come detto sopra.
    2. I giusti ausilii capaci di assecondare ed adattarsi il più possibile al corpo umano. Un esempio significativo sono le protesi del seno; oppure i prodotti iniettabili.
  5. Capacità di spiegare e mostrare il proprio operato con parole semplici e fotografie esplicative. Deve poter mostrarne varie per l’intervento scelto. Proprio così, saper comunicare è essenziale. E’ necessario che il paziente capisca a cosa sta andando in contro durante la chirurgia e nel post operatorio, i pro e i contro. Importante poi essere allineati ai suggerimenti del chirurgo per quel che concerne il cambiamento ottenibile. Non abbiamo tutti lo stesso gusto estetico.
    • A proposito della modalità di comunicare, ti porterei a considerare bene i seguenti campanelli d’allarme:
      1. Chi dovesse usare paroloni tecnici di difficile comprensione, poco chiari ai più, come a cercare di mostrare la propria “sapienza”. Quindi l’obiettivo di far capire bene come stanno le cose al paziente non è ovviamente la priorità.
      2. Chi dovesse spendere buona parte della visita preoperatoria in una sorta di “flusso autocelebrativo”. Anche qui, nel tentativo di ben impressionare, oltre che appagare il proprio ego. Ponendo se stessi al centro del dibattito e non invece il paziente con il proprio problema da risolvere. Con le tante paure, ansie e dubbi che questo spesso trascina con sè.
      3. Questo è poi forse il segnale più pericoloso. Chi dovesse parlare male dell’operato di un collega, denigrandolo. Al netto della questione di etica professionale, è un forte segnale di debolezza. Non si è per nulla sicuri delle proprie abilità. E quindi le si vuole “elevare” artificiosamente usando la leva dello sminuire l’operato altrui. Come per far percepire la propria “superiorità” sulla base del contrasto tra se stessi (colui che ben opera. O “dovrebbe” ben operare..) e un collega (colui che ha mal operato).

 

Come scegliere il chirurgo plastico? Conclusioni

Nell’epoca della globalizzazione, del libero accesso a qualsivoglia informazione, dei social e delle recensioni, capire come scegliere un buon chirurgo plastico sembrerebbe semplice. Tuttavia non lo è. Bisogna saper scremare sapientemente le informazioni per ridurre la possibilità di avere dei problemi poi. E la cosa è tutt’altro che semplice.

Ti ho quindi proposto 5 regole da seguire tali da essere, spero,  abbastanza concrete e misurabili. Sulla base delle informazioni che si riescono a carpire leggendo nei siti dei professionisti in questione. E magari confrontandosi con chi è già stato operato dal chirurgo su cui si sta puntando l’attenzione.

Se vuoi avere maggiori informazioni su di me, ti consiglio di legger la mia presentazione: “Perchè scegliere il dott.Renato Zaccheddu”. 

Se vuoi sapere quali chirurgie eseguo: “Scopri tutti i miei servizi”.

In ultimo, se vuoi parlare con me personalmente: contattami.

 

Condividi

Copia il Link

Copia