Milano | Parma | London    +39 3404508274   

intro-addominoplastica-img-articolo

Addominoplastica per gli uomini: tutto quello che devi sapere…

L’apparire è la regola del nostro vivere ed ormai interessa uomini e donne quasi allo stesso modo. In questo articolo ti parlerò di un particolare intervento per l‘uomo, l’addominoplastica.

Esso è sostanzialmente una chirurgia che mira a correggere un addome in cui si denota una pelle cadente unita magari ad un rilassamento ed indebolimento delle pareti muscolari. Ti spiego ora quali siano le sue applicazioni negli uomini.

Addominoplastica per gli uomini: chi sono i migliori candidati?

L’addominoplastica è un intervento che spesso si pensa essere declinato solo al femminile. E’ infatti la chirurgia che viene tipicamente incontro alle donne nelle situazioni in cui la gravidanza avesse lasciato dei segni permanenti del suo passaggio sul corpo della donna. Sto parlando dell’ eccesso di pelle addominale e del rilassamento della parete muscolare. Il quale fa apparire l’addome protrudente.

Tuttavia esiste un secondo scenario che non vede differenza di sessi.

Infatti se per caso avessi vinto la lotta ai chili di troppo, dopo aver passato buona parte della vita con misure xxl, e fossi un uomo, l’addominoplastica, potrebbe essere la ciliegina sulla torta.

Pensa, hai finalmente  ottenuto un peso accettabile grazie ad una sana alimentazione, e magari sei anche riuscito a modellare il tuo corpo grazie ad una regolare attività fisica. Tuttavia l’addome abituato ad essere gonfio, può essere che non ti abbia seguito perfettamente in questa tua evoluzione. In particolare la pelle abituata ad essere tirata a volumi importanti, perso il sostegno dei chili di troppo, risulterà molle e cascante.

Se ti trovassi in tale situazione, solo un’addominoplastica avrebbe la capacità di rimodellare ottimizzare il tuo nuovo stato psicofisico.

Addominoplastica uomo: per chi non va bene?

  • Semplice, per tutti coloro che non presentano le caratteristiche sopracitate, vale a dire un rilassamento della parete muscolo-cutanea addominale.
  • Eccoti un esempio tipico. Non farebbe al caso tuo se avessi quel classico addome gonfio di un volume che viene dall’interno. Ovvero il volume della tua pancia fosse composto da quello che viene definito grasso di tipo viscerale. Il quale si trova negli spazi intraddominali, attorno all’intestino. In questa situazione, il consiglio è quello di pensare seriamente ad un netto cambio di stile di vita. Che poi è anche l’unica via che potrebbe salvarti.
  • Vorrei enfatizzare qui, ancora una volta, quanto importante sia considerare questo intervento come una tappa che segua un un sano percorso che, a sua volta, abbia portato ad un significativo calo ponderale. E che questo sia stato mantenuto con costanza per almeno 4-6 mesi. Pertanto non stiamo parlando qui di un’alternativa alla perdita di peso.
  • Inoltre, essendo comunque un intervento importante con una guarigione delicata, dovrai buttarti alle spalle anche altri vizi, in primis il fumo.

Addominoplastica uomo: in cosa consiste?

  • Durante l’addominoplastica, per gli uomini come per le donne, si asporta la cute in eccesso. In alcuni casi è possibile che debba anche ricostruire il tessuto muscolare sottostante.
  • Tuttavia, a differenza che per l’addominoplastica post gravidanza, questo spesso non è necessario.
  • Se però lo fosse, una volta sollevato il lembo di pelle in eccesso, si procederebbe a mettere in tensione muscolatura addominale grazie a dei punti di sutura interni.  In modo da essere poi  in un buono stato di tensione.
  • A questo punto si è pronti  per rimuovere l’eccesso di pelle che tanto disturba.
  • Può essere fatta in anestesia generale oppure locale con sedazione. Una qualche idea in più sull’argomento la puoi trovare in: “Addominoplastica con anestesia locale: ci sono effetti collaterali?”.
  • La dimissione avviene più tipicamente il giorno successivo. Anche se è assolutamente fattibile la dimissione in giornata, in particolare se l’intervento fosse stato eseguito in anestesia locale con sedazione profonda.

Addominoplastica uomo: tradizionale o “Fleur de Lis”?

  • Esistono due tipi di addominoplastiche fatte nell’uomo dopo un importante calo ponderale:
    • quella tradizionale che consiste in una incisione nella parte bassa dell’addome solamente;
    • l’addominoplstica “Fleur de Lis”, più aggressiva e per eccessi cutanei davvero importanti.

Ti consiglierei un’addominoplastica tradizionale se il tuo problema fosse caratterizzato da un eccesso cutaneo medio. La cicatrice risultante decorrerebbe trasversalmente nella parte bassa dell’addome da un lato all’altro. Ci sarebbe inoltre una piccola cicatrice nella parte interna dell’ombelico.

Se invece ci fosse una notevole quantità di eccesso cutaneo (tipica dopo perdite ponderali superiori a 40-50 chili) allora potrebbe essere più idonea la addominoplastica ”Fleur de lis”. Prende il nome dalla forma della pelle rimossa che ha la forma di un giglio.

In essa, infatti, la quantità di pelle rimossa è molto piú ampia di quella tradizionale. Come è più ampia anche la cicatrice: piú lunga, avendo anche una componente verticale lungo la linea mediana: appare quindi come cicatrice a forma di àncora o a T invertita.

In ogni tipo di addominoplastica è possibile, e pure abbastanza comune, abbinare una liposuzione ai fianchi, qualora fosse indicato. Questo per andare ad ottimizzare il risultato ottenuto.

Addominoplastica nell’uomo: ecco il postoperatorio.

L’addominoplastica è un’operazione complessa sia da eseguire che da guarire. Dovrai collaborare sin da subito.

  • Potrai fare la prima doccia già dopo 48-72 ore, e giornalmente a seguire. Ovviamente cambiando la medicazione ogni volta.
  • E’ bene cominciare a camminare da subito, nei limiti del possibile, per prevenire complicanze quali la trombosi venosa profonda.
  • All’inizio, e per qualche giorno, camminerai leggermente piegato in avanti per via della tensione sulla pelle. E sui  muscoli, se si è lavorato anche su quelli.
  • In un paio di settimane potrai riniziare con l’attività lavorativa, se fisicamente non impegnativa.
  • Lo sport è da riprendersi solamente dopo 8 settimane. Intensamente dopo 10-12.
  • Ad accompagnare una corretta e costante attività fisica, che dovrà permanere nel tempo, dovrai assicurarti che ci sia anche un’alimentazione appropriata. Pena una compromissione del risultato finale. Per capire meglio questo punto, ti rimando a: “Dopo l’intervento di Addominoplastica si ingrassa? Scopri la verità”.

Se vuoi maggiori informazioni: “Scopri tutto sull’Addominoplastica”, oppure contattami per avere un consulto.

Condividi

Copia il Link

Copia