Milano | Parma | London    +39 3404508274   

mastoplastica-convalescenza-img-articolo

Quali sono rimedi per un seno cadente e svuotato?

La correzione dei difetti estetici del seno rimane la chirurgia estetica maggiormente richiesta dalle pazienti. Il décolleté ha un valore molto importante nel mondo femminile. E’ simbolo appunto di femminilità, sensualità e maternità. Tre tra le modalità di espressione più importanti  che ogni donna ha di sè.

Il seno è anche una delle parti del corpo più soggette a cambiamenti, a volte vistosi, durante il corso della vita. Sono infatti svariate le cause che possono farlo rovinare. Benchè lavorare di prevenzione sia sempre la via maestra, talvolta si arriva a condizioni più o meno critiche, risolvibili solo chirurgicamente.

Ecco che la ricerca di rimedi per un seno svuotato e cadente è cosa comune in chi entra nello studio di un chirurgo estetico.

Perchè il seno tende a deteriorarsi?

Per rispondere a questa domanda vediamo prima come sono fatte le mammelle.

Anatomia del seno

Grossolanamente possiamo dire che ci siano tre macrocomponenti:

  1. La pelle che ne rappresenta il contenitore.
  2. Il tessuto adiposo, per il quale possiamo dire che:
    1. Ha una rappresentanza che è molto variabile nel corso della vita. Qualora fosse la parte dominante parleremmo appunto di seno adiposo.
    2. La sua mutabilità è principalmente determinata da.
      1. Età.
      2. Variazioni del peso corporeo.
      3. Alterazioni dell’assetto ormonale per cause che possono essere patologiche oppure fisiologiche (es. menopausa).
  3. La ghiandola mammaria. La parte deputata alla produzione di latte materno. Se invece fosse questa componente a prevalere definiremmo il seno come principalmente ghiandolare. Le sue variazioni sono sostanzialmente in relazione a due fattori:
    1. Età, aspetto sempre presente quando ci riferiamo a cambiamenti del corpo nel tempo.
    2. Oscillazioni ormonali. Tipiche di condizioni fisiologiche quali gravidanza o menopausa, per esempio.

Da rilevare che non c’è alcuna struttura portante interna quale può essere un osso. E’ la pelle stessa a dover sostenere tutto il peso aiutata da un sistema fascio-legamentoso più o meno fitto che la connette ai muscoli sottostanti.

Cause di un seno cadente e svuotato

Le principali cause che portano il seno a scendere sono principalmente  due.

  1. Le dimensioni sono la causa di gran lunga più importante quando ci troviamo di fronte ad una mammella cadente. Un seno grande, per natura o perchè aumentato chirurgicamente, subirà in modo maggiore la forza di gravità. La quale mette a prova ben più dura il sistema cutaneo-legamentoso di quanto non faccia in un seno piccolo. A lungo andare esso inizia a cedere facendo venire meno la propria azione di contenimento e supporto. E’ anche per questa ragione che molte donne decidono di ridurlo per evitare questo esito poi. A questo riguardo potresti leggere:“Quando è davvero opportuno scegliere un intervento di riduzione del seno?”.
  2. Correlati a quanto appena detto ci sono due importanti situazioni di stress che agiscono sul seno essendo caratterizzate da vistosi cambiamenti di peso in breve tempo. Esse sono:
    1. Gravidanza e allattamento.
    2. Forti cambi di peso a seguito di drastiche diete oppure chirurgie bariatriche (finalizzate alla perdita di peso).
  3. L‘età. Col tempo tutti i nostri tessuti corporei perdono di elasticità e capacità contenitive. A ciò non fa eccezione  il sistema cutaneo-legamentoso testé menzionato.
  4. Regolari attività fisiche caratterizzate da  continui sobbalzi. Tipicamente la corsa a piedi oppure esercizi simili. Soprattutto quando non sono accompagnate dall’uso di un reggiseno contenitivo ad hoc.

Rimedi per un seno cadente e svuotato

Prevenire è la parola d’ordine…

Ma come? Direi principalmente con un ausilio esterno: il reggiseno. E’ l’unico aiuto che la pelle ha per sostenere il peso della mammella.

Molte donne, soprattutto con seno medio/piccolo sottovalutano la sua utilità. Anche perchè forse, nel loro caso, se ne sente meno l’esigenza. Come è comune l’errata credenza che sia necessario non usarlo di notte poichè così si dorme e respira meglio… In realtà ogni donna dovrebbe considerarlo un alleato prezioso ed utilizzarlo con continuità: giorno e notte. Fin dall’adolescenza. Questo consiglio non va sottovalutato nemmeno dalle donne che  hanno un seno rifatto (e quindi più pesante). Per questo ti rimando a: “Reggiseno post mastoplastica, per quanto tempo utilizzarlo?”.

A seguire una serie di consigli che contribuiscono ad aiutare il mantenimento dell’elasticità ed  integrità cutanea.

  1. Cominciando da una alimentazione bilanciata e mai esagerata, ricca di prodotti freschi provenienti dal mondo vegetale. La base per rallentare i processi di invecchiamento di ogni nostro tessuto. Inclusa la pelle del seno.
  2. Altro punto spesso sottovalutato è una corretta idratazione. Una pelle disidratata è meno compatta e capace ti sopportare le tensioni a cui è sottoposta giornalmente. Qui ti spiego come un semplice gesto quotidiano garantisca già per sè uno stato di buona salute:“Benefici e ragioni per bere acqua”.
  3. Un vizio in particolare è da eliminare: il fumo. Campione nell’invecchiare la pelle precocemente riducendone cronicamente l’ossigenazione.
  4. Concluderei con il nemico numero 1 della pelle: l’esposizione solare prolungata. Gli effetti deleteri della quale si vedono quando i danni sono già ampiamente in atto.

Sullo stesso argomento: “Seno cadente? Scopri i 5 consigli che ti do su come rassodarlo“.

Come invece curare…

Eccoci ai rimedi chirurgici per un seno svuotato e cadente. I consigli visti nel paragrafo precedente sono utili, ma talvolta riescono solo a rinviare il problema. Cosa fare quando un seno cadente e svuotato è un dato di fatto?

Solo la chirurgia rappresenta una reale soluzione. E nello specifico la Mastopessi.

  • Essa riproporziona il seno eliminando la pelle rovinata e in eccesso ed ottimizzando il volume rimasto.
    • Ha la possibilità di essere eseguita con o senza protesi. Qualche consiglio in più su quale sia la più indicata in:“Mastopessi con protesi o senza protesi? I pro e i contro”
    • Come linea generale, la seconda variante, senza protesi, è da preferirsi, qualora possibile. Abbiamo visto come peso e forza di gravità giochino contro di noi. Andare a mettere una protesi significa aumentare ancora il peso che la pelle deve sostenere. Pelle che è già rovinata e quindi già più debole.
    • Ci sono casi in cui lo svuotamento è tale per cui l’ausilio di una protesi risulta necessario. Sceglieremo allora una minima dimensione per un buon risultato.
  • E’ una chirurgia che si effettua tranquillamente in day hospital.
  • Ha come punto a sfavore le cicatrici che sono a “T” dalla base della mammella al capezzolo. Nulla comunque che non possa essere coperto con un qualsiasi intimo o costume.

Quest’ultima soluzione è sicuramente quella più efficace, ma necessita in ogni caso di un aiuto: i consigli di prevenzione sopra menzionati diventano poi consigli di mantenimento.

Per avere maggiori informazioni :“Scopri tutto sulla Mastopessi”.

Se invece vuoi discutere del tuo caso, contattami, saprò indicarti la via migliore per risolverlo.

Condividi

Copia il Link

Copia