Milano | Parma | London    +39 3404508274   

evoluzione-protesi-motiva-img-articolo

Protesi al seno: le migliori marche per risultati naturali

La chirurgia estetica offre oggi, più che mai, soluzioni ai più svariati problemi. Devo però ammettere che la chirurgia femminile che mi viene maggiormente richiesta è ancora la mastoplastica additiva. Sarà che il seno è indice di femminilità. Sarà che è una parte del corpo femminile facile bersaglio del passare del tempo.

Siccome le protesi giocano un ruolo da protagonista assoluto in questa chirurgia, è lecito chiedersi quali siano le migliori.

Questa è una domanda a cui sarebbe apparentemente molto difficile rispondere…Ogni chirurgo ha infatti le sue preferenze.

Stanno accadendo cose molto importanti in questo campo che non lasciano più molto spazio alle scelte personali. Non sarebbero più giustificate. Mi sto riferendo a complicanze a lungo termine delle protesi create per ben aderire ai tessuti circostanti. Questa infatti è stata l’idea dominante degli ultimi 20 anni. Si pensava che la protesi dovesse interagire con forza ai tessuti mammari per evitare che si muovesse o che scendesse sotto la forza di gravità più rapidamente.

Ebbene, questa idea o teoria si sta rivelando totalmente errata, purtroppo.

Quindi, va bene qualsiasi marca purchè l’involucro non sia a superficie macrotesturizzata o che comunque incentivi una adesione forte della protesi ai tessuti.

Detto questo, ho le mie preferenze ovviamente.

Nel mio lavoro non mi limito ad eseguire uno dopo l’altro i miei interventi, cerco sempre di migliorarmi e questo vorrei facessero anche i materiali che uso. Ecco perché mi sono affidato ormai da qualche anno alle protesi Motiva.

Motiva è una compagnia di abbastanza recente costituzione. E’ presente in Italia solo da pochi anni, ma è ormai leader europeo da molti di più. Sin da subito attivissima sia nella ricerca di nuovi materiali che nella miglioria continua degli esistenti. E lo è perchè una fetta sostanziale dei propri profitti, è regolarmente devoluta alla ricerca.

Motiva ha proposto sin da subito diversi tipi di gel di silicone. Migliorandone la composizione ogni volta.

Ma perché le ritengo le migliori?

Il loro punto di forza è l’aver messo a punto un gel molto morbido che unisce alla consueta coesività una elasticità mai proposta in precedenza. Questo sta cambiando il modo in cui le protesi mammarie sono state concepite fino ad oggi. Oltre che proporre un involucro nanotesturizzato che non permette alcuna adesione della protesi, ma al tempo stesso riduce in modo molto significativo l’insorgenza di una complicanza chiamata contrattura capsulare. Infatti le altre possibili protesi usabili oggi, cioè le protesi lisce, hanno un indice di contrattura capsulare aumentato rispetto alle macrotesturizzate (che, come detto, non non sono più consigliate).

Questo gel morbido permette alla protesi chi cambiare continuamente forma a seconda della posizione del corpo. Parliamo quindi di una più spiccata naturalità dinamica. Non conosciuta dalle protesi a goccia o anatomiche che, oltre ad essere molto rigide e dure ( prezzo da pagare per mantenere quella forma), appaiono naturali solo quando la donna è in posizione eretta. Non nelle altre posizioni.

Insomma, io le uso ormai da qualche anno e le ritengo, ad oggi, insostituibili. Naturali e con indici di complicazioni nettamente inferiori a quelle usate in precedenza.

Sei curioso/a di scoprire di più sull’argomento? Allora clicca per scoprire le mie risposte alle domande più frequenti che ricevo sulle protesi al silicone!

Condividi

Copia il Link

Copia