Liposuzione con addominoplastica: ok fare l'intervento insieme?

Liposuzione con addominoplastica: ok fare l'intervento insieme?

In chirurgia estetica esistono interventi che interessano solo un sesso, altre invece correggono difetti che possono creare disagio sia a uomini che a donne.

Molto genericamente potrei dirti che la cosìdetta “pancetta”, sembra essere un problema un po’ più comunemente maschile. Invece avere un ventre piatto è il sogno di tutti. Non è però semplice per tutti. Diverse variabili tra cui la genetica, lo stile di vita, ma anche i cambiamenti e gli eventi che avvengono durante la nostra esistenza, possono rendere il punto vita più abbondante. Parliamo di grasso in eccesso, ma anche di pelle.

L’alimentazione e lo sport possono fare la loro, ma talvolta non sono sufficienti. Ecco allora che il chirurgo diventa l’unico in grado di ridare forma e tono con l’Addominoplastica e/o la Liposuzione. Se ti interessasse capire come agiscono separatamente queste due chirurgie, ti inviterei a consultare il mio sito. Ho dedicato loro una sessione.

 Ma queste Addominoplastica e Liposuzione possono essere eseguite in contemporanea? Vediamo.

Pancia che “non piace”…perchè?

Le cause di questo inestetismo possono essere diverse:

  • Stile di vita errato. Magari con un’alimentazione poco sana e una vita sedentaria. Questo facilita l’accumulo adiposo.
  • Cambio di stile di vita. Ci sono pazienti che, con un passato descritto nel punto precedente, decidono poi di apportare delle modifiche al proprio quotidiano. Se però la diminuzione di peso è importante, parliamo solitamente di 3o kg o più, spesso la pelle non riesce a seguire l’importante perdita di volume. Ecco che il ventre diviene abbastanza piatto, ma appare molto flaccido.
  • Maternità. Le motivazioni sono similari al punto precedente. Il cambio volumetrico del grembo avviene velocemente, nel giro di pochi mesi. Prima aumenta per accogliere il bambino. Poi, dopo il parto, regredisce velocemente potendo lasciare qualche chiletto in più. Ma soprattutto una pelle stressata, come dopo un importante dimagrimento. Con spesso in aggiunta una apertura dei muscoli retti addominali denominata diastasi.
    • In realtà, spesso non è solo la pancia a portare i segni di una gravidanza. Ecco perchè esiste una combinazione di chirurgie pensate proprio per ridare un corpo tonico alle neo mamme. Te ne parlo in:“Mommy Makeover: gli interventi dopo il parto”.

Addominoplastica e Liposuzione: similitudini e differenze.

Similitudini

Addominoplastica e Liposuzione sono le due chirurgie “àncora di salvezza” per molti pazienti che hanno un girovita non più tonico o “proponibile”. Molti di loro arrivano a non mettersi più in costume o a non farsi più vedere nudi, nemmeno dal partner. E’ questo rappresenta ovviamente un forte limite.

Quindi, pur essendo interventi totalmente diversi, come vedrai tra poco,  hanno in comune la regione anatomica sulla quale possono agire.

Differenze

Sono invece di più le distinzioni. Quella sicuramente più importante è l’inestetismo che vanno a correggere:

  • In caso d adipe in eccesso ci aiuta la Liposuzione. Questa chirurgia può eliminare quegli accumuli di grasso che dieta e palestra non riescono a scalfire. E’ dunque l’ottimizzazione di un processo di miglioramento idealmente già iniziato. Talvolta può rappresentare il punto di partenza. Invece non può, nè dovrebbe mai esserne la sostituzione.
  • Pelle lassa e diastasi addominale per l’Addominoplastica.
    • In questo caso si va a eliminare la pelle cadente determinata da importanti sbalzi volumetrici, come hai visto poc’anzi. Sia per forte dimagrimento che a seguito di una o più gravidanze.
    • In più può “ricompattare” la parete addominale se questa è stata divisa da una pressione verso l’esterno eccessiva. Quella di un bimbo in crescita o di grasso viscerale che spinge dall’interno. Vuoi più informazioni in merito? Ti lascio questa lettura:“Intervento di Addominoplastica come rimedio per la diastasi addominale”.

Parliamo dunque di due chirurgie che lavorano in modo molto differente. Tanto da poter essere considerate quasi agli antipodi dal punto di vista del percorso chirurgico.

La Liposuzione:

  • non ha  incisioni di rilievo, se non piccoli tagli di pochi millimetri abilmente nascosti in pieghe della pelle o aree con cambio cromatico.
  • Il gonfiore è sicuramente l’inestetismo più importante. Ma viene limitato mettendo già subito in sala chirurgica una guaina contenitiva. Sono poi consigliati dei massaggi linfodrenanti. Approfondisco l’argomento qui:“Quanto dura il gonfiore post liposuzione all’addome?”.
  • La chirurgia dura poco e non prevede un post operatorio particolarmente restrittivo, solo un ritmo più blando per le prime settimane. Ti dò qualche informazioni in più in:“Liposuzione all’addome: tempi di recupero, convalescenza e sport”

L’Addominoplastica:

Per un’analisi più completa:“La differenza tra la Liposuzione e l’Addominoplastica”.

Addominoplastica e Liposuzione. Insieme si può?

La risposta è generalmente affermativa. Anzi il consiglio è proprio quello di farle in contemporanea nel caso in cui sia necessario, soprattutto per ridurre le adiposità localizzate sui fianchi, quindi ai lati dell’addome.

Per quanto riguarda gli accumuli adiposi situati centralmente, che si presentano unitamente a una lassità cutanea, benchè trattabili in simultanea, richiedono una qualche cautela in più nella pianificazione dell’intervento.

Benchè le tendenze dell’ultimo decennio siano per eseguire i due interventi combinati, c’è da dire che una liposuzione aggressiva centro-addominale unitamente a uno scollamento cutaneo ampio necessario per correggere adeguatamente un eccesso cutaneo importante (separazione dello strato cutaneo dal muscolo sottostante prima di rimuoverne l’eccesso), qualche rischio in più lo pone.

Ciò è dovuto a una  perfusione della cute addominale che viene compromessa temporaneamente (sia da un assottigliamento aggressivo del sottocute che da uno scollamento cutaneo molto esteso), a volte in modo anche significativo. Sufficiente però per creare problemi di guarigione, il più temuto dei quali è rappresentato dalla necrosi cutanea.

Un’ attenta selezione dei pazienti da parte del chirurgo è necessaria per ridurre tale eventualità. Fattori di rischio importanti da considerare sono rappresentati dal fumo di sigaretta, da un alto indice di massa corporea o anche da patologie quali il diabete.

E’ pure importante la pianificazione dell’intervento in quanto a invasività, come detto sopra, con cui eseguire i due interventi. Quest’ultima è ovviamente una scelta puramente tecnica che attiene al chirurgo. Di cui devi però essere consapevole.

Infatti il consiglio che posso darti è che ci sia una accurata spiegazione della chirurgia in fase di visita preliminare, in modo che tutti i pro e contro di un eventuale approccio chirurgico combinato ti siano ben chiari. Fai tranquillamente domande sui rischi e la loro probabilità in quella sede.

Il tuo addome non ti piace? Non sapresti però dire quale chirurgia ti possa aiutare? Ti invito a leggere questo articolo per chiarirti le idee:“I casi adatti per chirurgia addominale (addominoplastica) oppure liposuzione”. Se avessi ancora dei dubbi, non preoccuparti, vieni nel mio studio per valutare insieme e in modo più personalizzato la o le chirurgie che ti potrebbero realmente  “cambiare la vita”.

Iscriviti alla Newsletter

Scarica la brochure gratuita: i prima e dopo degli interventi

Chirurgo Estetico Milano

Milano+39 3498213116

Via Cerva 16

Via Albricci 9

Chirurgo Estetico Parma

Parma +39 3404508274

Studio Medico Keiros

Strada Traversetolo 20/D

Chirurgo Estetico Londra

London +44 7979838753