Milano | Parma | London    +39 3404508274   

chirurgia-estero-img-articolo

Chirurgia estetica all’estero: alcune considerazioni

Chirurgia estetica all’estero: alcune considerazioni

Interrompo un attimo la mia vacanza per scrivere due note sul mio blog . Molto brevemente che poi ho necessità di andare al mare… Questo perché mi preme specificare ancora di più (tema già toccato in precedenza) un argomento abbastanza sensibile e discusso: la chirurgia estetica all’ estero. Lo faccio perché solo questa settimana sono stato contattato da due pazienti che si sono da poco operate all’estero. Erano abbastanza sul disperato… A parte la grande confusione sui concetti base dell’ intervento affrontato, segno chiaro che sono state informate molto poco. Non specifico dove si sono operate. Verso est, diciamo così… Mi capita abbastanza spesso di ricevere questi contatti, anche se più diradati. Per tale ragione mi sono messo a scrivere queste righe.

Operarsi all’ estero lo si fa per risparmiare in modo consistente, va da sé. Altri motivi seri non ce ne sono.

Agendo così si considera ovviamente la qualità del lavoro non come il fattore principale, come invece dovrebbe essere. Altrimenti uno non andrebbe all’estero. Ma si opererebbe da un chirurgo abbastanza vicino a casa. Che si conosce con uno o più incontri prima dell’ intervento (non il giorno stesso o la sera prima). Che è capace di dare delle garanzie minime di risultato (date dalla sua competenza ed alta casistica, vera possibilmente…). Che offre la certezza di poter essere contattato a qualsiasi ora dopo l’intervento, dovessero sorgere dei problemi, anche di notte. Che è in grado di risolvere eventuali complicanze, dovessero presentarsi ( lo si dà per scontato questo…). Che offre dei controlli ravvicinati almeno nelle prime 4-6 settimane successive all’intervento (Fondamentale!). Che parli una lingua conosciuta a fondo (dal paziente e da lui, si intende). Giusto per comprendere decentemente quei due-tre concetti…

Purtroppo si è nella convinzione totale che rifarsi il naso o il seno sia la stessa cosa ovunque, con chiunque ed in qualunque condizione. Quasi come comprarsi una macchina, per fare un esempio. E’ per me incredibile pensare che non si riesca a capire un concetto tanto semplice. La chirurgia è un atto ALTAMENTE operatore dipendente e richiede una cura e visione cadenzata nelle settimane postintervento. Da parte del chirurgo stesso, possibilmente. O almeno dal suo team. Si riuscirà mai a fare intendere tale semplice assunto?

Adesso però vado al mare… Vi abbraccio.

 

Scopri tutti i servizi del Dr. Zaccheddu!

Condividi

Copia il Link

Copia